Merkaba Forums
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Forum
 LO SHIFT
 Vulcani, terremoti e magnetismo
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 3

miraluce
Membro Master



Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna


699 Messaggi

Inserito il - 25 novembre 2002 : 22:55:31  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

L'attività sismica e vulcanica negli ultimi 30 anni è aumentata del 500%.
Il magnetismo che cambia rapidamente dà luogo all'intensificarsi dei fenomeni.
Ma il magnetismo del pianeta è legato a quello del sole.
Ora, il nucleo del sole sta proiettando sostanza magnetica nelle masse coronali.
Si sta preparando al "reversal"
Di qui le aurore boreali, sempre più visibili in molti paesi quali il Canada, la Florida, la Finlandia...
Espressione del magnetismo sono le macchie solari, collegate all'attività vulcanica.

I nostri sismologi sembrano non tener conto delle correlazioni. Arriviamo anche a sentire che il terremoto ai piedi dell'Etna non ha collegamento con l'attvità del vulcano o che terremoti sincronici non hanno nessun legame tra loro.
Il sole e la terra sono troppo distanti ma se il sole smettesse di esistere...

Il sole e la terra si stanno preparando.
Quando gli esseri umani arriveranno a considerare che la terra è un unico organismo vivente e che è pure in relazione con tutta la galassia?

L'Etna è in gran fermento. Secondo Cayce, lo shift sarà preceduto da una forte "performance" del vulcano


amrita
Membro Attivo




220 Messaggi

Inserito il - 27 novembre 2002 : 12:08:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Raffaele Bendandi era un sismologo astronomo autodidatta e studiava appunto le correlazioni fra i "fremiti e sussulti" della terra e le perturbazioni elettromagnetiche.
Ha provato l’origine cosmica dei terremoti ; ha compiuto ricerche astronomiche, geofisiche, magnetiche, cosmiche, atmosferiche, sulla radioattività atmosferica (per scopi atomici)

Verificò che tutte queste manifestazioni terrestri e solari sono causate da uno squilibrio gravitazionale; che esiste una influenza solare decisiva sulla salute degli organismi umani ed una spiccata influenza sulle cellule cerebrali.

Le sue previsioni si fondavano sull'applicazione della teoria della gravitazione universale.
Aveva calcolato al minuto tempi e luoghi dell'influenza, sulla crosta terreste, della somma delle attrazioni gravitazionali del Sole e di alcuni pianeti.
Stessa genesi per le macchie solari e le connesse perturbazioni che, per Bendandi, tanta influenza avevano sui sistemi di comunicazione.

" La forza di attrazione è dunque l'agente principale di ogni manifestazione del mondo fisico; è essa che regola il corso dei pianeti e dei satelliti lungo la loro orbita; che presiede allo sviluppo evolutivo delle diverse masse planetarie "

E' stato snobbato dalla scienza ufficiale. Le sue previsioni preferiva affidarle al calendario del frate indovino.
Ora il suo laboratorio è diventato un museo, gli è stata intestata una scuola, è conosciuto anche in America.
Ma i nostri "esperti" non vogliono spostare il loro limite.

Torna all'inizio della Pagina

Edo
Nuovo Arrivato



15 Messaggi

Inserito il - 05 marzo 2003 : 03:26:55  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ma come si fa a dire che l'attività sismica sia aumentata di 5 volte negli ultimi 30 anni, quando la registrazione dei terremoti viene effettuata solo da pochi decenni?! Tra l'altro in Italia non è stata ancora completata un'ottimale rete di stazioni di registrazione. In Italia si fa sismologia in maniera accettabile da poco più di dieci anni. Quindi queste affermazioni lasciano il tempo che trovano. Sono geologo, anche se non esercito la mia professione, ma per confutare certe teorie spazzatura non bisogna essere per forza un addetto ai lavori, ma solo avere un po' di buon senso.
30 anni fa i terremoti venivano registrati in maniera assai approssimata e la scienza era solo agli inizi, per cui non esistono dati precedenti di molto. Quello che conosciamo dei terremoti precedenti deriva solo dai dati storici, per cui è impossibile avere le basi per una tale teoria. Chi ha detto questo è di sicuro un impostore.
La geologia è un materia molto affascinante, molto più di tutte quelle congetture che si spacciano per tali.
Teniamo presente poi che molte volte i geologi contestano un autore non perché le sue teorie sono solo strane, ma spesso perché sono già scontate. Ad esempio, alla base dei movimenti di faglia che possono dare origine ad un terremoto è scontato che ci siano forze proveniente dall'attrazione gravitazionale tra i pianeti, esattamente come nelle maree. Chi dice questo dice una cosa banale e scontata facendola passare per una dritta. Inoltre i geologi non contestano la teoria di Gaia, anzi essi sono i primi e gli unici ad agire facendo fede, anche se a volte solo istintivamente, a questa concezione del pianeta Terra visto come un intero sistema vivente.
Inoltre il problema dell'inversione del campo magnetico non consiste nell'inversione di per se, ma solo per il fatto che tra un inversione e l'altra vi è un breve periodo di anullamento del campo magnetico che consentirebbe il passaggio di alcuni raggi cosmici letali per la nostra salute.
Inoltre che le macchie solari abbiano un effetto sulle comunicazioni si tratta oramai di una cosa scontatissima per la scienza.
Niente di nuovo quindi

Scritto Da - edo on 05 Marzo 2003 03:28:14
Torna all'inizio della Pagina

miraluce
Membro Master



Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna


699 Messaggi

Inserito il - 06 marzo 2003 : 22:55:26  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Chi ha detto poi che questi dati provengano da studi fatti in Italia? Chi ti dice che chi ha riportato questi dati non faccia riferimento a coordinate di deduzione che tu ed altri ignorate?

Che ci sia un incremento dell'attività sismica e vulcanica e non solo, è un dato riconosciuto. Non stiamo a sottilizzare sulle percentuali perché questo non è il punto. Nessuno vuol fare l'esperto.
Si rimarca la parzialita' di visione della scienza corrente, cosi' come ad una mente piu' allargata puo' essere limitante considerare solo il magnetismo senza vedere la FORZA che fa muovere tutti gli eventi...
Che l'ipotesi gaia sia universalmente ammessa, anche questo e' puramente teorico.
Riporto dall'ultimo numero di "scienze" da un articolo di STEIN:
"ALL'inizio degli anni 90 il comportamento delle faglie sismogenetiche si era rivelato così complesso da lasciar concludere che i maggiori movimenti sismici del pianeta fossero isolati.
Una scoperta recente secondo la quale i terremoti interagirebbero in modi finora neppure immaginati, sta iniziando a ribaltare tale assunto.
Gaia dov'e'? Si sta facendo strada ora.

Per quanto riguardo lo shift,
il campo magnetico che vien meno con il conseguente "disturbo" che potranno arrecarci i raggi cosmici è solo un aspetto parziale dell'evento che potrebbe non avere la stessa importanza per tutti...

Scritto Da - miraluce on 07 Marzo 2003 14:22:15
Torna all'inizio della Pagina

Edo
Nuovo Arrivato



15 Messaggi

Inserito il - 07 marzo 2003 : 18:32:12  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non parlavo solo dell'Italia, in ogni modo lo scarto con gli altri paesi potrebbe essere di poco più di un decennio. Non esistono dati che ci consentano tali paragoni. L'attività sismica e vulcanica non sta aumentando, o almeno non è possibile fare una simile affermazione. Comunque sei libera di credere a chi invece afferma il contrario senza avere dati per farlo.
I dati provengono solo ed eslusivamente da studi fatti da geologi, per cui questa moda di andare contro le scienze ufficiali lascia il tempo che trova, perché non esistono ulteriori dati a riguardo. Io ti consiglio di leggere prima i dati ufficiali e dopo quelli "alternativi". Dico questo solo perché mi rattrista vedere questa tendenza a credere agli imbroglioni quando ci sono tanti studiosi che passano la vita intera nei loro studi con enormi risultati. La scienza cosidetta convenzionale presenta delle lati molto affascinanti e mi dispiace vedere che poi in tanti si accontentano delle briciole lasciate dagli autori cosidetti "alternativi" che poi in realtà spesso non sono altro che cialtroni.
Torna all'inizio della Pagina

niroshama
Membro Medio




144 Messaggi

Inserito il - 10 marzo 2003 : 11:31:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Norme per un buon dialogare


Nel dialogo sarebbe bene evitare termini quali "imbroglioni, cialtroni, spazzatura...." lasciando a ognuno la libertà della propria conoscenza senza intenti di gettare discredito.
Ti erigi a paladino della giusta causa e non consideri che non c'è nulla di statico e di univoca interpretazione, perchè tutto è in divenire.
I dati ufficiali, in ogni settore, sono contestabili. Vedi statistiche.
Avrresti cose ben piu' gravi di cui rattristarti, se ti consentissi di aprire gli occhi anzichè fare "l'esperto" che contesta l'alternativo.

Quando si va in un ambiente, ci si guarda attorno, si leggono magari le pagine del sito con i riferimenti, per coglierne lo spirito e poi si interviene sul tema con cognizione dei livelli su cui ci si sta ponendo.
E' chiaro che qui non s'intende fare puntualizzazioni di tipo scientifico-geologico.
Gli spunti e i riferimenti sottendono altro...

Torna all'inizio della Pagina

amrita
Membro Attivo




220 Messaggi

Inserito il - 10 marzo 2003 : 17:09:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

"Teniamo presente poi che molte volte i geologi contestano un autore non perche' le sue teorie sono solo strane, ma spesso perche' sono giа scontate."

Generalizzazione arbitraria che non parte dalla conoscenza del soggetto in causa. Vedi riconoscimento post mortem.
C'e' una elite che emargina gli indipendenti, perche' vuole il monopolio e non da' credito a chi non e' titolato ed è creativo nella ricerca di nuovi strumenti.

Non e' poi tanto scontato che si prevedano terremoti studiando il movimento degli astri! Non va da se' nemmeno che si facciano tanti collegamenti con le tempeste solari, anche queste ultime piu' intense e frequenti:-)
Puoi credere che tutto sia com'e' sempre stato, che la terra si scuota come sempre, che le inondazioni non siano piu' numerose e di piu' vasta portata cosi' come i tornados.
Puoi chiudere un occhio sulle masse di ghiaccio che si distaccano dall'Antartide e sui 6 iceberg arrivati non si sa come sulle coste dell'Argentina...
Se il magnetismo e le frequenze della terra stanno cambiando, non è che tutto il resto puo' rimanere com'e' sempre stato!
Eppur si muove, eccome!

A noi interessa l'evento dello shift in atto come svolta epocale.
Non siamo tanto interessati a sapere quante radiazioni potranno entrare dal cosmo quando si sarà a magnetismo zero ma a sintonizzarci col nuovo corpo d'informazione.

Torna all'inizio della Pagina

Edo
Nuovo Arrivato



15 Messaggi

Inserito il - 10 marzo 2003 : 21:49:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il punto è che io non mi atteggio da esperto, ma sono esperto in questo campo per il semplice fatto che si tratta del mio settore. Inoltre le mie contestazioni non sono inerenti a degli aspetti puramente tecnici sui cui evito di argomentare perché so che annoierebbero
(...)
Qui non si tratta di opinioni, di punti vista aperti o chiusi, ma qui si tratta di affermazioni non vere. Ed io mi permetto di definire cialtrone chi si atteggia in tal modo. Capisci? Non sono io che mi atteggio, ma sono costoro che si atteggiano. Io credo sia importante prima conoscere la scienza ufficiale per poterla poi contestare. Potrei essere d'accordo sul fatto che si tende ad emarginare gli indipendenti, ma non bisogna cadere nel complottismo, e poi questo è un'altro discorso anche perché io non mi sognerei mai di affermare che tutti gli indipendenti sono degli imbroglioni. E poi chi vi dice che la scienza non sia attenta ai ghiacciai che si stanno sciogliendo, alle inversioni del campo magnetico, etc.???? Allora cosa farebbero i ricercatori secondo voi?
Io non faccio l'esperto contestando l'alternativo. Io non contesto l'alternativo, perché in tal caso non sarei capitato in questo sito. Non mi diverto a confutare le idee degli altri, sarebbe solo una perdita di tempo.
(...)

Bisogna essere aperti, certo, ma questo non significa far passare tutto.
(...)
Io potrei accettare benissimo l'idea, ad esempio, che negli ultimi 30 anni i terremoti e le eruzioni siano aumentati, ma mi si deve dire prima perché, come si arriva a questa deduzione. Per dire questo bisognerebbe avere dati precedenti a 30 anni fa, ma questi dati non esistono, perché 30 anni fa questa scienza era gli inizi. In Italia si è incominciato a studiare i terremoti in maniera più approfondita solo dopo quello del Friuli. In America erano già esperti nel settore, ma di qualche decennio, non di più.
(...)
Ripeto che non mi sto atteggiando come esperto. Sto criticando quello che penso di conoscere e non altro.
(...)
Grazie e perdonate l'irruenza con cui talvolta espongo le mie idee.
Torna all'inizio della Pagina

amrita
Membro Attivo




220 Messaggi

Inserito il - 19 marzo 2003 : 18:46:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando


I legami fra test nucleari e terremoti

Gary Whiteford: "Più del 60% dei -terremoti assassini- sono avvenuti lo stesso giorno o entro 4 giorni dal test"

Gli scienziati Matsumae e Yoshio Kato della Tokai University di Tokio confermano:" Fenomeni anomali metereologici, aumento dei terremoti e la variazione dell'asse terrestre sono notevolmente correlati ai test atmosferici e sotterranei.
Essi hanno causato un aumento della temperatura che neppure il sole potrebbe produrre.

Solo oggi si può accedere a una quantita' di documenti prima top secret.
Occorre non tenere in alcun conto le opinioni di chi ha interesse a negare i pericoli nucleari.

Inoltre gli scienziati tecnocrati non sanno
vedere al di la' delle loro teorie; non possono capire nulla che non sia compreso nei loro libri; non sono in grado di prevedere nulla che non sia previsto nei simboli delle loro formule.
Cio' che essi ancora non sanno deve inevitabilmente adattarsi agli schemi delle loro conoscenze, anche quando si imbattono in realta' e fenomeni mai esistiti prima d'ora...

Questo e' stato per decenni il modulo di pensiero degli scienziati tecnocrati. E c'e' il serio timore che si continui cosi' anche per la biotecnologia...

Dati provenienti da Gary Whiteford. Nuclear bombs tests - A lingering environnemental menace in Ecodecision, aprile 1994 pagg.86/88

Torna all'inizio della Pagina

Edo
Nuovo Arrivato



15 Messaggi

Inserito il - 20 marzo 2003 : 17:07:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cara amica, ho letto l'articolo che hai riportato sul forum. Il problema su cui voglio puntare il dito non è tanto il contenuto di tali informazioni. Potrei fidarmi e dare per scontato che le fonti siano buone. Quello che contesto principalmente è quella sorta di anti-scienza che oggi va tanto di moda, proprio come l'antiamericanismo, che quasi sempre si trova associate a queste teorie.
Anche se le informazioni del tuo articolo fossero oro colato sono pur sempre provenienti da scienziati dell'Università di Tokio, o no? Il che non è poco perché essi sono tra i maggiori conoscitori del fenomeno. Il punto è che tra scienziati spesso i pareri sono discordi. Questo non significa che essi abbiano torto, potrebbero anche avere ragione. Ma quello che voglio dire è che non esistono scienziati tecnocrati ed altri illuminati, ma più che altro atteggiamenti cauti ed altri meno a seconda delle situazioni. E' così da sempre. Ad esempio riguardo questo tuo articolo ti posso solo dire che non è niente di nuovo per la scienza pensare che esperimenti nucleari possano influire sui terremoti e non solo. Infatti uno dei primi tentativi che furono teorizzati per prevenire i terremoti fu proprio quello di piazzare delle cariche esplosive lungo le faglie principali al fine di far scaricare l'energia accumulata. Questa ipotesi fu bocciata in quanto ci si rese conto facilmente che piazzando delle cariche si poteva far scaturire un terremoto di grosse dimensioni anziché creare dei piccoli assestamenti che ne scaricassero l'energia. Quindi risulta chiaro che la scienza ufficiale non mette in dubbio questo fenomeno, anzi per loro è assodato. Ma dall'accettare un fenomeno alla pretesa di conoscerlo in maniera esatta ce ne passa parecchio. Probabilmente molti scienziati non sono d'accordo con queste teorie solo per quanto riguarda le previsioni numeriche. Ma questo non significa che essi siano tecnocrati, bensì solo cauti. Questa ovviamente è una mia ipotesi in quanto non conosco il problema in questione.
Non metto in dubbio che tra i scienziati ci siano tante persone che pretendono di essere degli illuminati in tale campo (vedi zichicchi), ma questo capita in tutti i settori. Non dimentichiamoci però che la vera scienza possiede anch'essa i proprio martiri che hanno creduto nel loro lavoro e che sono stati screditati dall'ignoranza delle persone. Non so, forse a tratti diciamo le stesse cose, non sembra pure a te?
...
Torna all'inizio della Pagina

garuda
Membro Medio



139 Messaggi

Inserito il - 17 maggio 2003 : 11:56:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando



Si riconferma l'aumento dell'attivita' vulcanica e sismica


La maggior parte dell'attività tettonica, compresi terremoti, vulcani, niño, sarebbe provocata dalla dislocazione dei poli, mentre la terra oscilla avanti e indietro secondo quella che viene definita oscillazione di Chandler.
I grafici di Mandeville provano che nel corso degli ultimi 50 anni l'attività
sismica e vulcanica è progressivamente aumentata, accompagnata pure dallo scioglimento della banchisa artica.

Ciò conferma la validità delle predizioni di Cayce secondo cui dopo il 1958 si sarebbero verificati rilevanti cambiamenti geologici che nel 1998 avrebbero iniziato ad accelerare.
I vulcani sono stati monitorati a livello mondiale, quelli subacquei non in modo costante, questo è un handicap scientifico, poichè l'aumento del vulcanismo subacqueo è con tutta probabiltà la causa del riscaldamento del globo.
Alcuni dati sembrano indicare che si sta riscaldando il suolo, ma non l'atmosfera.

E' probabile che tutta l'aria calda, nonchè l'acqua siano direttamente collegate al suolo sottostante che si sta muovendo ad una velocità sempre maggiore.
E' dunque possibile che l'aumento del vulcanismo subacqueo stia determinando il riscaldamento degli oceani e le varie manifestazioni di riscaldamnto globale nel clima e nella biosfera?

Torna all'inizio della Pagina

ahriti
Membro Medio




130 Messaggi

Inserito il - 21 ottobre 2003 : 19:41:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando


Gli eventi tellurici, la profezia degli Hopi...

In questi ultimi mesi i report segnalano un'attività sismica piuttosto sostenuta.

In un frammento della loro profezia gli Hopi ci dicono che ogni volta che l'umanità si allontana dalle leggi naturali la terra agisce per rimettere a fuoco la memoria di chi siamo.
Quando terremoti, alluvioni, tempeste di grandine, siccità e carestie saranno all'ordine del giorno, sarà giunto il tempo di tornare al sentiero giusto.
Le tradizioni Hopi oltre a indicarci i segni premonitori ci raccomandano un comportamento che riallinei con la terra le menti e i cuori.

Forse l'universo ci sta dando una mano con l'evento del prossimo allineamento planetario.

Se questo dovesse comportare qualche assestamento, cerchiamo di non dare spazio alla paura e di accogliere il processo di cambiamento in atto.

Come ci suggerisce Gregg Braden, teniamo presente il principio quantico secondo cui per cambiare il risultato degli eventi occorre modificare le nostre convinzioni sull'esito degli eventi stessi.



Torna all'inizio della Pagina

sunrise
Membro Medio




174 Messaggi

Inserito il - 30 ottobre 2003 : 19:00:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Penso che l'attività sismica sia anche legata alle tempeste solari che sono in atto nel sole. L'ultima di questi giorni classificata G3, alta intensità, sta interferendo con il nostro campo elettromagnetico. Ci avvertono di eventuali inconvenienti sulle linee elettriche e sui satelliti ma non ci dicono tutti gli altri effetti che può avere, tutte le ripercussioni sul pianeta della solar coronal mass ejection (gas e particelle caricate elettricamente) simile a un vento solare.


Torna all'inizio della Pagina

niroshama
Membro Medio




144 Messaggi

Inserito il - 31 ottobre 2003 : 13:09:53  Mostra Profilo  Rispondi Quotando




Edgar Cayce parlava spesso di diretta relazione fra la Terra, la Coscienza e il Sole.
I più importanti eventi della storia sono avvenuti in concomitanza all'attività delle macchie solari.
Mandiamo pace al sole che forse risente anche delle nostre bufere.


Torna all'inizio della Pagina

karam
Membro Medio




141 Messaggi

Inserito il - 08 gennaio 2004 : 20:01:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando



No less than (21) earthquakes in the 3+ to 4+ mag. have hit Central California in the past days.
Yes, they could be simply aftershocks from the previous December 22nd 6.5, or some suspect it may be a sign of what is known as the donut theory.

The donut theory suggest a series of smaller 3 to 4 mag earthquakes occur in a circle, then to be followed by a larger 5.5 to 7.0 in the middle of the circle.
Only time will tell, and so will we stay tuned for any upcoming events.


Torna all'inizio della Pagina

merevita
Membro Medio




178 Messaggi

Inserito il - 09 febbraio 2004 : 19:00:30  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Alcuni dati a conferma

I Russi riportano due ulteriori fatti:

Sulla Terra, l'attività vulcanica nel suo complesso è aumentata del 500% dal 1875 al 1975, mentre dal 1973 l'attività sismica si è incrementata del 400%.

Il Dr. Dmitriev dice che raffrontando gli anni che vanno dal 1963 al 1993, il numero complessivo dei disastri naturali come uragani, tifoni, valanghe, maremoti ecc. si è incrementato del 410%.

Il campo magnetico della terra sta diminuendo d'intensità. Questa riduzione è iniziata circa 2000 anni fa, ma il tasso d'intensità del magnetismo terrestre ha improvvisamente cominciato a decrescere in modo più accelerato circa 500 anni fa.
Ora, negli ultimi 20 anni o giù di lì, il campo magnetico è divenuto erratico. Le mappe aeronautiche del mondo, utili nel caso in cui gli aeroplani si servano del sistema del pilota automatico per atterrare, si sono dovute revisionare a livello globale onde permettere al pilota automatico di lavorare. (Questo è assai facile da verificare. Prendete semplicemente una mappa aeronautica antecedente al 1990 per una particolare aeroporto di una città e quindi confrontatela con la mappa attuale).

Nell'ultima parte dell'anno scorso, la calotta glaciale Artica sul punto esatto del Polo Nord, per la prima volta dacché la conosciamo, si è completamente sciolta. Green Peace ha riportato che, per quanto riguarda il tipo di ghiaccio invernale, la calotta si è precedentemente ritirata di oltre 300 miglia verso il polo e che già dall'anno scorso sia navi militari che civili erano in grado di passare direttamente attraverso il Polo Nord. Infatti c'era acqua. Fino ad ora, per quanto riusciamo a risalire nel passato, non è mai successo che lo spessore del ghiaccio scendesse a meno di dieci piedi.

In contrasto, il Polo Sud che ha una calotta di ghiaccio di circa tre miglia di spessore, ancora ha pezzi di ghiaccio che continuano a rompersi ed a sciogliersi.




Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
     Merkaba Forums © 2002 merkabaweb.net Torna all'inizio della Pagina
     Pagina generata in 0,3 secondi.    xmlfeed aspfeed TargatoNA.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000     

Ciricadoforum.it | Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it